Passa a trovarci in laboratorio
Via Emilio Visconti Venosta 58 50136 Firenze
Oppure contattaci
Siamo aperti tutti i giorni
Dal lunedì al venerdì in orario 9:00-18:00
Siamo chiusi il sabato, la domenica e i festivi.
Seguici sui canali social

Qual è il miglior Windows? La lista (non) definitiva per gamer

miglior windows

Il gaming ormai è diventato sempre più trasversale. È possibile provare titoli praticamente su qualsiasi piattaforma esistente. Da Android a Mac Os, da iOS a Linux. Passando ovviamente per Windows. Che piaccia o meno, il sistema operativo targato Microsoft è l’alleato perfetto per i videogiocatori che vogliono provare la maggioranza dei giochi oggi in commercio (non considerando le esclusive console, evidentemente).

Ma qual è, rimanendo nell’ottica dell’azienda di Redmond, il sistema operativo più veloce di sempre? E quale opzione è stata più amica dei gamer nel corso degli anni? Riavvolgiamo un attimo il nastro della storia dell’informatica e scopriamolo.

Windows 95, Windows 98 e tutti gli altri

Cominciamo da Windows 95, lasciando da parte le versioni precedenti. Il sistema operativo che ha dato effettivamente il via all’epopea di Microsoft come se la cavava coi giochi? Un po’ come con tutti gli altri software del tempo. A volte bene. A volte male. A volte clamorosamente male.

Era l’architettura stessa della piattaforma a essere instabile, non tanto i programmi che ci giravano. Da qui si arrivava alle spettacolari schermate blu che interrompevano sul più bello le sessioni di gioco.

A cosa si giocava a quei tempi, comunque? Erano i periodi dove i CD-ROM pieni zeppi di versioni demo di applicazioni e giochi andavano per la maggiore. E tra un Doom e un SimCity 2000, in ogni caso, si gettavano le basi per alcune delle serie più longeve del mercato. Come Fallout, Age of Empires, o Diablo:

La situazione continuò a evolvere con i sistemi operativi Windows 98 e l’immarcescibile Windows ME. In particolare, l’edizione del 1998 accolse alcuni tra i videogame più amati di sempre. Basta pensare a Grim Fandango, Half-Life, Thief e Tomb Raider.

Per capire in che “condizioni” giravano questi titoli, basta rifarsi ai requisiti consigliati proprio di Half-Life, il capolavoro di Valve che introdusse il leggendario Gordon Freeman, il G-Man e tutte quelle deliziose creaturine mortali. Nella lista figuravano un processore a 500 MHz, 96 MB di RAM e una fiammante scheda video con 16 MB di memoria. Altre epoche.

Windows XP e le sue allegre collinette

Windows XP diede un colpo di spugna alle incertezze precedenti, proponendosi come un sistema operativo più veloce e reattivo. Anche i giochi beneficiarono del suo arrivo, grazie a un’architettura che abbandonava MS-DOS in favore di una struttura rinnovata e stabile.

Fu un sistema operativo fortunato, anche dal punto di vista videoludico. Il periodo di massimo splendore, che abbracciava l’arrivo del nuovo millennio, coincise con l’approdo di alcune pietre miliari della storia dei videogame. Come Diablo II, Deus Ex, Max Payne, WarCraft III, Half-Life 2.

Uno dei sistemi più amati e utilizzati, capace di ricevere aggiornamenti sostanzialmente per sedici anni. Un tempo enorme nell’informatica. Tanto per evidenziare l’importanza del sistema Microsoft in questione, basta pensare che nel 2019, l’8% della base PC in tutto il mondo girava ancora con XP. Che con il suo sfondo con le collinette verdi e i tantissimi giochi a disposizione, rimane per buone ragioni nel cuore di tanti appassionati.

Windows Vista e l’arrivo delle DirectX 10

Dopo uno dei Windows più amati, uno dei Windows più odiati. Vista arrivò e si impose già in modo un po’ antipatico. Solo questa nuova versione, infatti, beneficiava delle DirectX 10, librerie software che promettevano faville per la resa grafica dei videogame.

Un sistema operativo dalla vita tutto sommato breve, che tornava a essere relativamente instabile, ma che fu graziato da alcuni capolavori videoludici. E nel breve lasso di tempo che va dal 2007 al 2010, anni nei quali Vista andava per la maggiore, che uscirono Portal, The Witcher, Fallout 3, Civilization IV.

Qual è la versione migliore di Windows 7?

Si arrivava così a Windows 7, che riportava in auge il ruolo di Microsoft nel gaming.

Un sistema nuovamente snello, stabile, utilizzato su praticamente qualsiasi PC al mondo. Uscito nel 2009, circa tre anni dopo Vista, presentava alcuni sfiziosi titoli preinstallati. Come Dama, Spades e Backgammon. I giochi più importanti, in ogni caso, furono quelli che produssero in quegli anni case come Valve, Blizzard o Electronic Arts. L’arrivo delle DirectX 11.1 contribuì poi a migliorare anche le performance grafiche.

Fu su Windows 7 che i giocatori poterono gustare appieno Portal 2, ad esempio. Oppure The Sims 3, e l’immortale The Elder Scrolls V: Skyrim, che ancora oggi viene riproposto praticamente su qualsiasi piattaforma.

La migliore versione di Windows 7 per giocare è senza dubbio quella a 64 bit. Per un uso prettamente ludico, la differenza tra le varianti Home e Professional è praticamente nulla.

La migliore versione di Windows 10 per il gaming

Tralasciando Windows 8 e Windows 8.1, edizioni di transizione verso il mondo tablet e mobile che non ebbero tantissima fortuna, si arrivava così a Windows 10. Un altro grande successo di Microsoft, che propone specifiche caratteristiche dedicate proprio ai video game. Tre le altre, la cosiddetta modalità gioco. Selezionabile dall’area Impostazioni, disattiva gli aggiornamenti automatici e può migliorare il frame rate.

Questa edizione segna la definitiva integrazione con il mondo Xbox, grazie all’app dedicata. Sono disponibili anche funzionalità di registrazione delle sessioni di gioco, e in generale è qui che inizia crearsi quell’ecosistema che poi maturerà nel Game Pass. Un’esperienza sempre più sfumata tra PC e Xbox, a cui oggi siamo abituati ma che difatti è una conquista piuttosto recente.

Parlare di versioni di Windows 10 risulta piuttosto complesso, vista la frequenza degli aggiornamenti, molto più elevata rispetto alle piattaforme passate. Ogni update introduce, peraltro, novità e ottimizzazioni. Ma non mancano completi disastri, con iterazioni che vanno a creare nuovi crash e problemi. Per fortuna, spesso questi intoppi vengono risolti.

Che te ne fai di Windows senza un buon computer? Aggiorna il PC!

Windows 10 è comunque il sistema operativo più veloce e indicato per il gaming su computer. Per sfruttarlo appieno, però, serve un buon PC.

Se hai bisogno di aggiornare la tua macchina da gioco, noi possiamo darti una mano! Scopri di più sui nostri servizi chiamando lo 055 6557249, o sfruttando i riferimenti che trovi nella pagina Contatti.

No Comments

Post A Comment

Extra Utilità



Scarica il supporto remoto



Versione per WINDOWS

Versione per MAC


IPERIUS Remote (WIN)

Hai già acquistato le nostre soluzioni di assistenza in remoto?

Se ancora non l'hai fatto informati subito!
Assistenza immediata a prezzi vantaggiosi!

Chiamaci allo 055/6557249